Scontri Inter-Napoli: ultrà arrestato dichiarazioni sconvolgenti

Inter Napoli nuove immagini choc degli scontri أˆ una guerra VIDEO Primapagina

Uno dei leader della Curva dell’Inter

Come riportato da Lo riporta Corriere.it, il 21enne Luca Da Ros, rispondendo alle domande del gip di Milano, Guido Salvini, nel carcere di San Vittore, ha fatto il nome di uno degli ispiratori dell’attacco alla carovana dei Van dei tifosi napoletani nel giorno di Santo Stefano uno dei tre ultrà arrestati.

Si tratterebbe di uno dei leader della Curva dell’Inter, che si è presentato in Questura, nel tardo pomeriggio di sabato, con il suo legale, l’avvocato Mirko Perlino, confermando “di aver partecipato agli scontri ma declinando ogni responsabilità rispetto all’organizzazione”.

Intanto, pure Franceco Baj, 31 anni, e il suo coetaneo Simone Tira, due dei tre ultrà dell’Inter arrestati in via Novara, hanno riconosciuto di essere stati presenti agli scontri prima dell’incontro del giorno di Santo Stefano contro il Napoli, ma hanno puntualizzato di non aver avuto contatto con i tifosi partenopei.

PARLA LA MADRE DI BERLADINELLI

“Mio figlio è morto da un giorno, nessuno può avere idea di cosa posso provare, è indescrivibile. Vi prego basta. Daniele deve riposare in pace”. Inizia in questo modo il post di Facebook della mamma di Daniele Belardinelli, il tifoso morto durante gli scontri prima di Inter-Napoli fuori da San Siro. “Sono la mamma di quel ragazzo che è morto negli scontri fra ultras, leggo che era un delinquente, i telegiornali lo dicono, i social lo dicono”, prosegue, come viene riportato da l’Ansa,”ma io sono sua madre, quella che l’ha tenuto fra le braccia con amore e visto crescere”.

Fonte:CalcioMercato.com
Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato del Napoli

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *