Jorginho, una dichiarazione d'amore: "Napoli non ha senso, ma l’ho amata pazzamente"

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Jorginho, una dichiarazione d'amore: "Napoli non ha senso, ma l’ho amata alla follia"

Mio padre mi diceva che assomigliavo ad un fuggitivo, in città giravo sempre con berretto e felpa”. È stata pure questo l’esperienza napoletana di Jorginho. L’italo-brasiliano viene da un’annata semplicemente straordinaria. Il mattatore del centrocampo di quel Napoli che stava finalizzato alla vittoria lo scudetto – il giocatore che molti tifosi azzurri avrebbero “accompagnato personalmente a Londra” allorchè fu ceduto al Chelsea – è semplicemente un campione. Ha trovato il successo la Champions con i blues, e l’europeo con l’Italia.

A The Players’ Tribune ha raccontato la sua intera vita da giocatore, dai difficilissimi inizi in Brasile al tetto d’Europa raggiunto in questi mesi. Il tutto passando naturalmente per Napoli. “Una città che trasuda passione”, ove “trattano i propri giocatori come divinità. Un po’, è stato difficile”. Difficile perché bisognava camuffarsi per errare, tanto è l’amore dei tifosi per i giocatori.

Sappiamo tutti come sono i napoletani, vero? Non potevo andare al parco o al supermercato – racconta Jorginho – Una volta uscì con un mio amico di domenica. Iniziammo a girare per Napoli. Lo portai in centro alle 17.00, c’era un caos…Per non farci scoprire abbiamo iniziato ad incamminarci da camuffati”. L’aneddoto è di quelli divertenti: “Riuscimmo ad arrivare nel retro di un bar, senza che nessuno ci riconoscesse. In seguito, proprio il cameriere mi chiede una foto. Dopo è stato il delirio, la piazza era gremita di persone. C’era una folla incredibile. Ogni passo facevo tre foto, mi strattonavano e spingevano. Pensavo che non saremmo mai tornati a casa. All’improvviso, qualcuno mi tira fuori dalla folla e convince gli altri a farmi tornare a casa. Era un ragazzone dei gruppi organizzati. Gli dico ‘Grazie mille’ e lui mi sorride e mi chiede una foto. Ma facciamone 10 brò, mi hai salvato!“.

Napoli non ha senso, ma l’ho amata pazzamente. È stato difficile per me partire dopo quattro anni e mezzo“, ha concluso.

Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato del Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli Calcio

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

NewsLetter

Ultime News

trending

Scelte da noi