La lezione di Giampaolo: la Sampdoria fa piccola la Juventus e torna a far punti con una grande squadra

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La lezione di Giampaolo: la Sampdoria fa piccola la Juventus e torna a far punti con una big

E’ finita con gli applausi del pubblico di fede blucerchiata. La Gradinata Sud, che non ha mai smesso un secondo di incitare, intona: “Vi vogliamo in questo modo”. La ferma la al “Ferraris” e conquista il primo punto dell’anno. Un pareggio sacrosanto frutto dell’organizzazione di squadra e della prestazione di un team che ha palesato attributi e grande determinazione. Merito va dato a , criticato molte volte ma non su queste colonne, capace di imbrigliare il gioco degli uomini di Massimiliano , dal tasso tecnico più elevato, e costringerli a difendere e ripartire, con qualità. e compagni tornano in questo modo a rallentare una grande squadra dal 22 dicembre scorso all’Olimpico contro la – 1-1 il finale – e in casa dal 12 settembre scorso allorchè l’ pareggiò a Marassi per 2-2. In seguito contro , Juventus, , nerazzurri e giallorossi al ritorno, e arrivarono solo sconfitte.

Pareggio da squadra
Un pareggio ottenuto grazie alla prestazione globale della squadra, con gli effettivi capaci di sacrificarsi per il compagno e bravi a tenere botta ad un team costruito per ambire ad alti traguardi. Solo qualche rischio nella prima parte della gara con la parata di Audero, nel finale allorchè Rovella ha mancato per pochissimo la traversa con una conclusione dalla distanza e lo stesso portiere blucerchiato a salvare su Kostic ad una manciata di minuti dal triplice fischio. Fra i singoli, pure se l’allenatore predilige lodare il gruppo, spiccano di nuovo Sabiri, Audero e Colley ma pure Vieira e Leris, molte volte indicati come partenti nel mercato, hanno sfoderato una prestazione all’altezza arrivando stremati al minuto numero 96.

La compiacenza di
Alla fine dell’incontro l’allenatore si è detto soddisfatto: “Partita di grande spirito, di grande abnegazione – ha esordito in stampa -. C’era un’alchimia giusta. La squadra ha affrontato la Juventus con personalità. Il risultato ci permette di lavorare meglio. Potevamo pure subirlo la rete. Lo spessore della gara è stato importante. Significa creare fiducia. Significa approcciare le gare con una coscienza diversa. Bene chi ha preso parte alla partita e chi è subentrato”. Il tecnico della Samp dopo ha voluto elogiare il pubblico, dodicesimo uomo sul campo di gioco: “Straordinario perché nella difficoltà pure fisica ove dovevamo rintuzzare ci hanno sostenuto in maniera incessante fino finalmente. Io l’ho sempre considerato un cambio in più. Non ne ho cinque, ma sei”.

Image:Getty

Segui le Ultime News del
Segui le Ultime Notizie

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Scelte da noi