Hamsik: "Che festa col Trabzonspor, aspettavano 38 anni. Sarri mi ha lasciato il segno"

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Hamsik: "Che festa col Trabzonspor, aspettavano 38 anni. Sarri mi ha lasciato il segno"

Nell’intervista rilasciata a , ha raccontato le emozioni per il successo del turco da parte del : “Aspettava 38 anni per vincerlo e i sono stati incredibili, hanno organizzato sei feste e una di quelle è andata pure forte su Instagram con 80 navi che navigavano nel mare e festeggiavano. Al termine della gara sono stato mezz’adesso a festeggiare coi e nel momento in cui sono rientrato negli spogliatoi i festeggiamenti dei compagni erano finiti ma con me sono ripreso”.

Un modello da allenatore?
“Mi piacciono , Guardiola, quelli che giocano a . mi ha lasciato il segno. Mazzarri diede un’identità di gruppo forte, venne fuori pure il famoso tridente, vincemmo la dopo 20 anni, non dimenticheremo mai quella festa. esplose insieme a me”.

Il tridente con Lavezzi e ?
“Uno dei tridenti più forti che il Napoli abbia mai avuto. Il Pocho e Cavani hanno fatto una carriera incredibile passando al , una delle squadre più forti del mondo. Benitez era un grande allenatore, con lui sono arrivati , , , calciatori di livello internazionale. Dopo è venuto , per tre anni con lui nella mente abbiamo giocato sempre a due tocchi, immagina a che velocità di pensiero dovevi muovere la palla e per tre anni lo abbiamo fatto. Come giocatore mi sono divertito tanto, tutta l’ ci seguiva, era Play Station, si giocava mnemonicamente. Qualche volta il mister si girava di schiena, gli bastava sentire la palla e capiva che stavamo giocando insieme. Se facevo un tocco in più…si fumava 50 sigarette”.

Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli Calcio

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Scelte da noi