Prima di Lewandowski, c'è Quagliarella: la linea difensiva decimata della Lazio all'esame Sampdoria

Prima di Lewandowski, c'è Quagliarella: la difesa decimata della Lazio all'esame Sampdoria

L’operazione per rimuovere una piccola ernia inguinale terrà lontano dal campo Radu per circa fra settimane: a Formello sperano che abbia un decorso minore, come Luis Alberto (12 giorni), ma le speranze sono flebili. Quella del rumeno, titolare inamovibile per Inzaghi, è una defezione importante. Che assume contorni tuttavia più profondi e gravi se se si considera l’altra grande indisponibilità nel reparto arretrato, quella di Luiz Felipe, operatosi alla caviglia a Monaco un mese fa. Due terzi della difesa di base, dunque, è fuori: è allarme per la Sampdoria (mancherà pure il sospeso dal giudice sportivo Hoedt) ma in maggior misura in ottica dell’andata degli ottavi di Champions contro il Bayern Monaco (martedì prossimo all’Olimpico).

La prospettiva mette i brividi. Perché affrontare i campioni d’Europa e del Mondo in carica è già una partita super complicata di per sé: farlo senza 2/3 della difesa titolare, in seguito, la fa diventare al limite dell’impossibile. A Lewandowski e Co. tuttavia Inzaghi ci penserà da domani o da questa sera. Come minimo fino alle 17, l’attenzione nel quartier generale biancoceleste è rivolta esclusivamente alla Sampdoria (ore 15, stadio Olimpico), che all’andata le rifilo tre gol a Marassi. La Lazio deve cancellare la sconfitta di San Siro e rimettersi sulla strada giusta per la corsa al quarto posto, pure per sfruttare i due scontri diretti della giornata di campionato: Milan-Inter e Atalanta-Napoli.

Le opzioni di formazione – Tornando al tema d’apertura, la linea difensiva, Inzaghi proporrà Musacchio come stopper di sinistra. Una novità. perché l’allenatore ha sempre voluto un mancino naturale da quella parte. Per averlo dovrebbe spostare Acerbi, ma dopo San Siro lo gruppo ha capito che non può spostarlo dal centro. Dunque spazio all’ex Milan (che incomprensibilmente non è entrato a Milano) con Patric sul centro-destra: se dovesse convincere il terzetto verrà riproposto contro il Bayern. A insidiare uno dei tre, il rientro di Hoedt, che nelle ultime 5 partite di Champions è sempre partito titolare con la Lazio. Ma a ciò, si penserà dopo la Sampdoria: più che da Lewandowski, nella giornata odierna la linea difensiva deve guardarsi da Quagliarella.

Le opzioni di formazione – Tornando al tema d’apertura, la linea difensiva, Inzaghi proporrà Musacchio come stopper di sinistra. Una novità. perché l’allenatore ha sempre voluto un mancino naturale da quella parte. Per averlo dovrebbe spostare Acerbi, ma dopo San Siro lo gruppo ha capito che non può spostarlo dal centro. Dunque spazio all’ex Milan (che incomprensibilmente non è entrato a Milano) con Patric sul centro-destra: se dovesse convincere il terzetto verrà riproposto contro il Bayern. A insidiare uno dei tre, il rientro di Hoedt, che nelle ultime 5 partite di Champions è sempre partito titolare con la Lazio. Ma a ciò, si penserà dopo la Sampdoria: più che da Lewandowski, nella giornata odierna la linea difensiva deve guardarsi da Quagliarella.

Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato del Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli Calcio