Mercato no stop – Indiscrezioni, trattative e dietro le quinte del 7 marzo

Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 7 marzo

MILAN, IBRAHIMOVIC SUL RINNOVO: “SE MALDINI VUOLE…”. NAPOLI E FIORENTINA PENSANO A SPALLETTI. CONTE SUL FUTURO: “PENSO AL PRESENTE” – “Al Milan ho tante responsabilità, e mi sento un leader”. In questo modo intervenuto a Che tempo che fa in onda su Rai Tre l’attaccante del Milan, Zlatan Ibrahimovic. “Questa squadra – ha riferito Ibra – è l’unica squadra ove mi sono emozionato, voglio dare tanto e insegnare tanto per essere una guida, perché allorchè mi guardano si aspettano qualche cosa da me. Volevo essere dell’incontro a Verona, perché mi sento troppo dentro e mi è mancato troppo la squadra, durante il Festival parlavo molte volte con Pioli e Maldini. Allorchè passo un giorno senza di loro è come un giorno senza i miei figli.Il rinnovo del contratto? Vediamo, dipende da Paolo. Se lui vorrebbe avere, ci siamo”.

Luciano Spalletti ha festeggiato ieri il suo 62esimo compleanno. Un genetliaco senza panchina, dal momento che l’allenatore di Certaldo è fermo ai box da due anni dopo l’addio all’Inter. L’ex Roma e Zenit è ma tuttavia sotto contratto con i nerazzurri per una questione di principio: l’accordo scadrà a giugno e Lucio si prepara a tornare in pista. Come riportato da Fcinternews.it, dalla Russia lo corteggia lo Spartak Mosca e alcuni club stranieri hanno chiesto informazioni. Occhio ma all’Italia: il Napoli ha sondato il campo. Una partita quella azzurra che stuzzica il carattere tenace e ambizioso di Spalletti. Rifare grande il Napoli e riportarlo in Champions dopo due anni di delusioni: Aurelio De Laurentiis ci pensa e l’allenatore di Certaldo ha dato la sua disponibilità per la prossimo anno. Sullo sfondo pure l’amata Fiorentina che progetta l’ennesima rivoluzione. I tifosi sognano Spalletti al timone della Viola, ma servono progetti ambiziosi per convincerlo. Finora da Rocco Commisso non sono arrivati: ecco perché sia Luciano sia Maurizio Sarri nei mesi scorsi hanno declinato il corteggiamento gigliato.

Daniele Pradè, direttore sportivo della Fiorentina, ha proferito al sito ufficiale viola dopo il pareggio interno col Parma: “La stagione si è messa in questo modo, nella giornata odierna ci prendiamo la reazione dei ragazzi che non vogliono mollare niente: abbiamo ripreso gol al 90′, abbiamo subito pochissimo e prima del 2-3 abbiamo preso una traversa. Non abbiamo mai mollato, c’è coesione nel gruppo. Negli spogliatoi c’è stato un lungo discorso di Barone, siamo tutti uniti e dobbiamo uscirne al più presto. Solo con l’aiuto di tutti possiamo uscirne. Questo è un momento in cui non ci gira niente a favore, dinanzi a noi abbiamo dinanzi a noi tante battaglie e lo spirito odierno ci ha permesso di non perdere l’incontro. Adesso con il Benevento avremo uno scontro diretto”, le dichiarazioni riportate da Firenzeviola.it.

Mister Antonio Conte, alla vigilia del big match con gli orobici, è stato interpellato pure sul possibile rinnovo di contratto con l’Inter. Questa la sua risposta in merito: “C’è un dato praticamente, ho l’accordo per un altro campionato. tutti ma, io e tutti quelli che lavorano per l’Inter, dobbiamo essere molto concentrati sul presente. Non ci dobbiamo far distrarre da altre cose, bisogna essere concentrati e influire sul presente, da qui dopo lunghi sforzi. Quel che accadrà fuori non lo so, non posso immaginarlo. È una situazione che ci è caduta addosso ma non deve influire. Noi possiamo influire sul presente e su quello ci dobbiamo concentrare. Capisco pure che si voglia parlare di altro ma dobbiamo essere focalizzati sul presente e per me il futuro sarà da qui dopo lunghi sforzi dell’anno. Per noi è molto importante dare un segnale di continuità e dimostrare che abbiamo riportato l’Inter ove merita. Quel che accadrà lo vedremo ma non dobbiamo pensare a quel che sarà. Bisogna essere feroci e pensare che il futuro è solo fino a fine campionato, ove noi dobbiamo e possiamo influire”.

Il patron federale Gabriele Gravina ha proferito del rinnovo del ct azzurro Roberto Mancini durante una conversazione concessa al Corriere dello Sport: “Sarà prorogato oltre i Mondiali? O lui prosegue a nicchiare? No, proprio in questo periodo stiamo discutendo un accordo che guarda al futuro. Non solo per valorizzare i risultati sportivi, ma per dare progettualità a un metodo che ha rivoluzionato il modo di fare calcio. Agli Europei con la sigilla? Penso proprio di sì”.

BARCELLONA, PRONTO IL MANAGEMENT SE VINCE LAPORTA. LIVERPOOL SU MBAPPÉ. E IL PSG CERCA UN PORTIERE – Con le elezioni del Barcellona che paiono aver preso una direzione piuttosto chiaro in favore di Laporta, Mateu Alemany, ex dg del Valencia, si candida con forza a diventare il nuovo direttore generale del club blaugrana. In caso di vittoria confermata, l’ex dg del Valencia porterà con sé al Barcellona Jordi Cruyff, figlio di Joan, a questo punto allenatore in Cina.

Il Liverpool sarà il grande rivale del Real Madrid nella corsa a Kylian Mbappé. Ne sono sicuri in Spagna, ove As afferma che i Reds vogliono convincere il francese a giocare in Premier, nonostante le perdite dovute alla pandemia. Sono due gli assi nella manica: un potenziale economico maggiore, determinato dalla possibile cessione per 120 milioni di Mohamed Salah (che pare ai ferri corti con Klopp e in generale non più molto felice), e… LeBron James: il calciatore dei Los Angeles Lakers è azionista del club inglese e ha un ottimo rapporto con la stella francese. Hanno realizzato insieme diverse campagne pubblicitarie e si sono incontrati in diverse possibilità.

Potrebbe pertanto essere David de Gea il nuovo estremo difensore del Paris Saint-Germain. Mauricio Pochettino è alla ricerca dell’erede di Keylor Navas e aveva manifestato l’intenzione di portare a Parigi il suo pupillo, Hugo Lloris; secondo The Sun, ma, il vero obiettivo è lo spagnolo del Manchester United, che Solskjaer cederebbe senza particolari problemi dal momento che in casa ha già il sostituto, ovvero Dean Henderson. Il PSG, fra l’altro, è uno dei pochi club che potrebbe permettersi di pagare lo stipendio di De Gea, che guadagna più di 20 milioni di euro all’anno e ne ha tuttavia due di contratto con i Red Devils.

Daniele Pradè, direttore sportivo della Fiorentina, ha proferito al sito ufficiale viola dopo il pareggio interno col Parma: “La stagione si è messa in questo modo, nella giornata odierna ci prendiamo la reazione dei ragazzi che non vogliono mollare niente: abbiamo ripreso gol al 90′, abbiamo subito pochissimo e prima del 2-3 abbiamo preso una traversa. Non abbiamo mai mollato, c’è coesione nel gruppo. Negli spogliatoi c’è stato un lungo discorso di Barone, siamo tutti uniti e dobbiamo uscirne al più presto. Solo con l’aiuto di tutti possiamo uscirne. Questo è un momento in cui non ci gira niente a favore, dinanzi a noi abbiamo dinanzi a noi tante battaglie e lo spirito odierno ci ha permesso di non perdere l’incontro. Adesso con il Benevento avremo uno scontro diretto”, le dichiarazioni riportate da Firenzeviola.it.

Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato del Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli Calcio