Le pagelle della Juve – Alex Sandro in bella copia, De Ligt imperioso. CR7 nota stonata

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Le pagelle della Juve - Alex Sandro in bella copia, De Ligt imperioso. CR7 nota stonata

JUVENTUS-PARMA 3-1
(43’ e 47’ Alex Sandro, 68’ De Ligt; 25’ Brugman)

Buffon 6 – Ordinaria amministrazione e poco altro. Può poco sul gol di Brugman, nel secondo tempo salva il risultato con una parata che per lui deve essere normale.

Danilo 6,5 – Girate al largo. Dalle sue parti si vedrebbe Gervinho, che tuttavia appunto cerca altre strade per dolere. Qualche bel cross da terzino, come ai vecchi tempi.

De Ligt 7,5 – Un assist e un gol. Ci sta la sua sigilla, sul successo di Madama. Imperiosa e di testa. Due di inattese sbavature lì dietro, più che perdonabili.

Bonucci 6,5 – Pellé gli fa sentire un dolore acuto, ma tiene botta nel duello fisico e guida la linea difensiva.

Alex Sandro 8 – Evidentemente l’originale è uscito dalla gabbia in cui l’aveva rinchiuso una copia. Il trascinatore che proprio non ti aspetti, ara la fascia e segna una doppietta per certi versi storica.

Cuadrado 7,5 – È il miglior giocatore della Juventus in questo anno. Stasera non fa tutto sempre bene, ma ci sta il suo zampino (in due casi con l’assist diretto) su tutti e tre i gol bianconeri. (Dal 74’ Kulusevski 6 – Ha pochissimo tempo per incidere contro il suo passato).

Arthur 6 – La cosa migliore è il salvataggio su Osorio in uno dei pochi momenti davvero delicati del match. Servirebbe un cambio gomme. (Dall’87’ Bernardeschi s.v.).

Bentancur 5,5 – Inspiegabile la differenza fra la gestione pulita del pallone a centrocampo e quella pasticciata allorchè deve scambiare col portiere. Primo tempo complicato, meglio nel secondo tempo. (Dal 74’ Rabiot 6 – Vedasi Kulusevski).

McKennie 5,5 – È lui a stendere Gervinho, ma non è automatico che dopo si prenda gol da lì. Fa il trottolino, non sempre è chiaro ove giochi e a conti fatti incide davvero poco. (Dal 74’ Ramsey 6 – Lui viceversa uno spazio in vetrina se lo ritaglia con due di bei passaggi, ma il voto rimane quello).

Dybala 6,5 – Gioca a calcio, quello con la c maiuscola. In seguito certo, ogni tanto va bene e ogni tanto no. Esagera, persino. Ma ogni tocco è da vedere e rivedere. Vitale fra le linee, meno in conclusione. (Dall’84’ Morata s.v.).

Ronaldo 4,5 – Le punizioni sono un incubo, che le batta o che stia in barriera. Partecipa al 2-1, ma è davvero troppo poco per uno come lui. Lo sa perfettamente, e difatti chiude stizzito.

Pirlo 6,5 – Vince e dunque bravo. Nulla di indimenticabile, mette sul terreno di gioco la Juve più quadrata che può; va sotto, rimette la testa avanti. Integrare Dybala e Ronaldo era la grande partita di stagione e non ha avuto la possibilità di affrontarla davvero. L’alchimia pare rimasta la solita.

Danilo 6,5 – Girate al largo. Dalle sue parti si vedrebbe Gervinho, che tuttavia appunto cerca altre strade per dolere. Qualche bel cross da terzino, come ai vecchi tempi.

Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato del Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli Calcio

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

NewsLetter

Ultime News

trending

Scelte da noi