Lazio senza Acerbi, con il Genoa tocca a Hoedt: il destino dell'olandese è tuttavia segnato…

Lazio senza Acerbi, con il Genoa tocca a Hoedt: il destino dell'olandese è però segnato...

Se sarà l’ultima opportunità non si sa. Ma è certo che Hoedt dovrà sfruttarla bene, quella di oggi, per provare a convincere la Lazio a riscattarlo a fine stagione dal Southampton (circa 7 milioni). La possibilità presentemente è molto complicata, ma niente è scontato. Nella giornata odierna intanto toccherà a lui dimostrare sul campo il suo valore, alle 12.30, all’Olimpico contro il Genoa. Inzaghi ha scelto Hoedt per rimpiazzare il sospeso dal giudice sportivo Acerbi al centro del reparto arretrato. Un compito gravoso, perché senza il centrale azzurro la media punti della Lazio in campionato si abbassa da 1,84 a 1,66. L’altra opzione era l’arretramento di Parolo, ma in settimana è stato provato l’olandese fra Marusic e Radu: ennesima bocciatura per Musacchio, lui sì che sicuramente non farà più parte del progetto biancoceleste.

Dopo un buon avvio di stagione, con pure 5 partite da titolare nel girone di Champions, il rendimento di Hoedt è calato. Lo ha riconosciuto egli stesso ieri ai canali ufficiali del club biancoceleste: “Ho sempre lavorato duramente per migliorare. Dapprima dell’anno sono partito forte, giocando bene pure in Champions. Dopo ho avuto un periodo difficile ma adesso l’unica cosa che conta è aiutare la squadra a finire il campionato facendo il massimo, cioè di nuovo fra le prime quattro”. Complice alcuni episodi negativi che l’hanno visto protagonista (come il penalty su Lautaro a San Siro, per esempio), il 27enne olandese è sceso nelle gerarchie di Inzaghi tanto da collezionare solo 7 minuti nelle ultime 7 gare della Lazio. Nella giornata odierna rientrerà dall’inizio, quasi due mesi dopo l’ultima volta: il 6 marzo in casa della Juventus. E dovrà provare a invertire il proprio trend negativo, perché nelle ultime 3 volte che ha giocato titolare sono arrivate 3 sonore sconfitte: 3-1 contro l’Inter, 2-0 a Bologna e 3-1 sul campo della Juventus. A 12.30 la squadra di Inzaghi non può sbagliare: c’è una corsa Champions da seguitare a tenere viva e un primato, di 11 vittorie consecutive all’Olimpico, da conquistare.

Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato del Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli Calcio