Genoa-Napoli 1-2, le pagelle: messaggio di Petagna al mercato. Cambiaso brilla a casa

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Genoa-Napoli 1-2, le pagelle: messaggio di Petagna al mercato. Cambiaso brilla a casa

GENOA-NAPOLI 1-2
Marcatori
: 39′ Fabian (N); 69′ Cambiaso (G); 84′ Petagna (N)

GENOA-NAPOLI 1-2
Marcatori
: 39′ Fabian (N); 69′ Cambiaso (G); 84′ Petagna (N)

GENOA (a cura di Simone Bernabei)
Sirigu 6,5 – Attento, sicuro, di personalità. Sul gol di Fabian può poco, oscurato da una selva di uomini dinanzi, in questo modo come sulla rete di Petagna. Nelle altre possibilità è attento e a tratti provvidenziale
Vanheusden 6 – Attento e agonisticamente duro. Lozano dalla sua parte ha pochi spunti ed il merito è pure suo (dal 67′ Masiello 5 – Si ritrova, suo malgrado, a tu per tu con Petagna appena entrato. E l’attaccante del Napoli lo sovrasta fisicamente sul gol)
Biraschi 6,5 – Il migliore del pacchetto arretrato. Gioca centrale ma pressa a tutto campo, prendendo in consegna in maggior misura Insigne. Bene pure nelle frequenti sortite offensive
Criscito 5,5 – Ci mette esperienza e personalità, ma anche qualche errore di impostazione e difficoltà nel frenare Politano
Ghiglione 7 – Corre per due, nel reparto avanzato e nel reparto arretrato. E’ il più pericoloso dei suoi per larghi tratti dell’incontro, impreziosisce un’ottima prova col cross al bacio per Cambiaso (dall’83 Behrami sv)
Rovella 6,5 – L’energia di cui il Genoa ha bisogno. Gioca con personalità, commette qualche errore ma alla fine dei 90′ il giudizio è positivo
Badelj 6 – Il suo gioco cresce di livello col passare dei minuti, dopo un primo tempo non brillante. E’ la sua regia, in duetto con Pandev, a guidare l’ottimo secondo tempo della squadra di Ballardini
Sturaro 5,5 – Nella prima parte della gara pare quello più in imbarazzo nel folto centrocampo del Genoa. Nel secondo tempo cresce in intensità e personalità ed il gioco della squadra ne risente positivamente (dal 67′ Kallon 5,5 – Ballardini lo coccola e lo sprona, il risultato è rivedibile. Tanto movimento, ben poca incisività)
Cambiaso 7 – Il primo gol in Serie A non si può scordare, per il ragazzo nato a Genova e cresciuto nel settore giovanile rossoblù. Oltre alla rete dell’illusorio 1-1 tanta corsa e chiusure di livello in fase difensiva
Hernani 5,5 – Agisce fra le linee in una posizione che può dar fastidio al Napoli, ma gli spunti decisivi sono pochi. Fabian lo manda al bar in concomitanza del gol (dal 46′ Pandev 6,5 – Semplicemente, il suo ingresso cambia il volto del Genoa. La rete annullato, giocate preziose per i compagni e tanta qualità)
Ekuban 5 – Ha voglia di incidere, si muove tanto e pressa alto, ma nel suo primo tempo ci sono parecchi errori in fase di appoggio e gestione del pallone (dal 46′ Buksa 5 – Non migliora l’incidenza offensiva rispetto al compagno. Poco coinvolto nel gioco, qualche errore di gestione del pallone)

Davide Ballardini 6 – Aveva chiesto un altro Genoa rispetto all’Inter e un altro Genoa ha trovato. La sua squadra tiene bene il campo e mette in enorme difficoltà il Napoli che ha la meglio pure per la profondità della sua rosa

NAPOLI (a cura di Pierpaolo Matrone)
Meret 6,5 – E’ cresciuto in personalità e lo si intuisce dal fatto che a questo punto si lancia in uscita pure sui palloni più complicati, ogni tanto rischiando anche troppo. E lo si comprende pure dalla tranquillità con cui cerca pure i passaggi più complicati nell’impostazione dal basso, anche se pressato. La parata su Ghiglione è da gran portiere.
Di Lorenzo 5,5 – La solita prova ordinata, con una sola macchia: in concomitanza della rete di Cambiaso dovrebbe essere lui a scalare in marcatura, viceversa si lascia bucare alle spalle.
Manolas 7 – La determinazione con cui va a chiudere, ad attaccare il pallone, con cui esulta dopo la rete raccontano tutto il contrario rispetto a ciò che si dice ultimamente: tanta voglia di ritornarsene in Grecia non pare proprio averla.
Koulibaly 7 – Allorchè decide di chiudere le azioni del Genoa, non c’è nulla da fare per i rossoblù. Di posizione, di fisico, con la testa o con il corpo, risulta sempre determinante.
Mario Rui 6 – Uno sbaglio in avvio, in seguito cresce. Fino ad arrivare al minuto 39, allorchè trova l’assist vincente con un pallone tagliato da calcio di punizione. Dal 92′ Juan Jesus s.v.
Fabian Ruiz 6 – Non attacca lo spazio, viene sempre incontro con le spalle alla porta e non accende la luce. Tuttavia non è in condizione e si vede. In seguito tuttavia tira fuori dal cilindro quel mancino da fuori area che s’insacca in buca d’angolo. E’ il settimo gol consecutivo da fuori area: la specialità della casa.
Lobotka 7 – Presidia bene la zona di Hernani, dimostrando di essere più a suo agio nella posizione di schermo dinanzi alla difesa. Non perde mai il tempo di gioco, in questo modo togliergli il pallone diventa arduo. Recupera palla, se la tiene incollata al piede. Tutto un altro giocatore.
Elmas 6 – Possibilità da titolare per l’infortunio di Zielinski, non la spreca. Si propone fra le linee, si butta in area sui cross, corre per due o pure per tre, ma finisce in seguito per perdere lucidità a tratti poco prima dell’area avversaria. Dal 92′ Gaetano s.v.
Politano 6 – Sbagliare uno stop? Non sa cosa vuol dire. Tecnica sopraffina, pure con Cambiaso sempre addosso. Nel secondo tempo è più stanco e si nota. Dall’82’ Petagna 7 – Marca a uomo Spalletti per metà secondo tempo, è impaziente di entrare. Allorchè il tecnico gliene dà l’occasione, ci mette esattamente due minuti a lasciare il suo marchio: colpo di testa vincente per il 2-1 e tre punti che hanno tutti la sua sigilla.
Insigne 6,5 – Falso 9, per la prima volta in carriera da titolare. Eppure, per i movimenti a mezzaluna e l’offensiva dello spazio, pare che lo faccia da tempo. Vivo, sveglio, svelto nelle giocate. La prima volta che si apre a sinistra, fa partire l’azione del gol. Puoi cambiare un ruolo, non la natura da fantasista offensivo: fra i migliori, un’altra volta.
Lozano 5,5 – Allorchè ha spazio può far male, ma nella giornata odierna è imbottigliato nel traffico e non accende quasi mai il motore. Risente, è ovvio che, pure di una salute atletica che non può essere ottimale. Dal 70′ Ounas 6,5 – La sensazione è che uno con questi strappi al Napoli serva più che mai. Guizzi importanti di un giocatore che, come ha riferito Spalletti, darà una grossa mano.

Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato del Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli Calcio

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

NewsLetter

Ultime News

trending

Scelte da noi