Napoli, i piccoletti non sfondano: a Spalletti servono i cambi per la decima vittoria

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Napoli, i piccoletti non sfondano: a Spalletti servono i cambi per la decima vittoria

Il Napoli vince tuttavia e Luciano Spalletti eguaglia le 10 vittorie nelle prime 11 partite di Sarri nel 2017-18. Gli azzurri escono vittoriosi nel confronto con una Salernitana rognosa ed intensa, che riesce a metterla sulla lotta (39′ di gioco effettivo, appena il 40%) alla fine di una prestazione sofferta e non di facile lettura. Da un lato effettivamente c’è la solidità difensiva e il successo senza elementi imprescindibili e caratterizzanti nel gioco come Osimhen e Insigne, dall’altro poca pericolosità e difficoltà palla a terra e nello stretto nonostante la scelta ricaduta sulla qualità di Mertens e Zielinski come sotto punta, oltre a qualche sbavatura pure in non possesso.

Il Napoli vince tuttavia e Luciano Spalletti eguaglia le 10 vittorie nelle prime 11 partite di Sarri nel 2017-18. Gli azzurri escono vittoriosi nel confronto con una Salernitana rognosa ed intensa, che riesce a metterla sulla lotta (39′ di gioco effettivo, appena il 40%) alla fine di una prestazione sofferta e non di facile lettura. Da un lato effettivamente c’è la solidità difensiva e il successo senza elementi imprescindibili e caratterizzanti nel gioco come Osimhen e Insigne, dall’altro poca pericolosità e difficoltà palla a terra e nello stretto nonostante la scelta ricaduta sulla qualità di Mertens e Zielinski come sotto punta, oltre a qualche sbavatura pure in non possesso.

La decidono i cambi
La rete-vittoria porta la sigilla di Zielinski, fra i peggiori fino alla conclusione (non irresistibile) che beffa il portiere, ma la disposizione in area di rigore cambia con l’ingresso di Elmas e Petagna. Allorchè il Napoli sembrava non riuscire più ad entrare in area, da uno scambio del macedone verso l’ex Spal nasce effettivamente l’imbucata per il polacco, che in seguito restituisce palla per la botta di testa sulla traversa. A seguire in seguito il tiro-cross di Mario Rui deviato dalla difesa – condizionata pure dalla presenza di Petagna – che in seguito arriva a Zielinski. In pochi minuti ciò che era mancato anteriormente con poco peso in area ed i piccoletti in imbarazzo negli spazi stretti.

Ingenuità nel finale
Nonostante le complicazioni elencate, il Napoli la sblocca, ma in seguito non ha una gestione serena e in maggior misura con concentrazione. Avanti di un gol e di un uomo, la squadra di Spalletti si sbilancia nel tentativo di trovare il raddoppio, deconcentrandosi pure dopo una lunga fase di possesso palla e si fa trovare scoperta dopo aver portato 5 calciatori in area e 3 sulla trequarti: Anguissa forza un filtrante per Politano e la Salernitana riparte in un 2 vs 2 che esalta Ribery che può rifinire per Simy. In questo modo nasce l’espulsione di Koulibaly che in seguito costringe il Napoli ad un finale molto sofferto, ridando fiducia e spinta alla Salernitana che alza le torri e ci prova fino al 97′.

Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato del Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli Calcio

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

NewsLetter

Ultime News

trending

Scelte da noi