Lazio, il successo a Napoli manca da 6 anni: la carica degli ex per rompere il tabù

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Lazio, la vittoria a Napoli manca da 6 anni: la carica degli ex per rompere il tabù

La carica degli ex per rompere un tabù che dura da 2166 giorni. Dal 31 maggio 2015 la Lazio non vince in casa del Napoli: da quella notte 6 sconfitte (una pure in Coppa Italia) e un pareggio, nessun successo. Cataldi e Felipe Anderson sono gli unici reduci della squadra di Pioli, che espugno 4-1 il San Paolo e ottenne il pass per i preliminari di Champions. Giocheranno entrambi titolari nella giornata odierna, insieme ad altri compagni che con Napoli hanno un legame particolare. Immobile è uno di questi, essendo nato a Torre Annunziata. E dopo in maggior misura i tre grandi ex, Sarri, Reina e Hysaj, che in totale hanno collezionato 553 presenze in azzurro.

La carica degli ex per rompere un tabù che dura da 2166 giorni. Dal 31 maggio 2015 la Lazio non vince in casa del Napoli: da quella notte 6 sconfitte (una pure in Coppa Italia) e un pareggio, nessun successo. Cataldi e Felipe Anderson sono gli unici reduci della squadra di Pioli, che espugno 4-1 il San Paolo e ottenne il pass per i preliminari di Champions. Giocheranno entrambi titolari nella giornata odierna, insieme ad altri compagni che con Napoli hanno un legame particolare. Immobile è uno di questi, essendo nato a Torre Annunziata. E dopo in maggior misura i tre grandi ex, Sarri, Reina e Hysaj, che in totale hanno collezionato 553 presenze in azzurro.

Sarà una notte di ricordi per loro, ma senza esagerare. Perché sanno quanto sia importante questo match nell’economia dell’anno della Lazio. È l’ultimo scontro diretto del girone d’andata: uscire indenni dal ‘Maradona’, dopo il successo per 0-3 a Mosca, avrebbe un peso incredibile sull’economia dell’anno biancoceleste. Più che sull’intero cammino, proprio sul momento attuale di una Lazio che – salvo i ko contro Milan e Juventus – ha battuto Roma, Inter e Fiorentina, pareggiando con l’Atalanta solo perché De Roon al 94’ ha trovato l’angolo corretto. In caso contrario, avrebbe messo a segno un poker di vittorie nei big match nulla male.

Ma nonostante un rendimento positivo con le squadre più forti, va registrato che non è giunto alcun successo in trasferta contro una delle ‘Otto sorelle’ del campionato. Un problema, quello delle prestazioni lontano dall’Olimpico, che Sarri ha notato e che non si spiega. “Non mi era mai capitato. È strano, i campi sono tutti uguali”, ripete. Intanto giovedì la sua Lazio a Mosca ha fornito una buona prova di forza, tornando a Roma (venerdì dopo pranzo con un volo di 7 ore) con i 3 punti e l’ammissione. Nella giornata odierna tuttavia l’avversario è ben più forte, pure se è privo di due pezzi pregiati come Osimhen e Anguissa.

Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato del Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli Calcio

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Scelte da noi