Napoli, non basta Osimhen per lo Scudetto. Senza le ali è molto complicato spiccare il volo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Napoli, non basta Osimhen per lo Scudetto. Senza le ali è difficile spiccare il volo

Punti semplice, il Napoli non sta viaggiando a una media troppo diversa rispetto alla scorsa stagione. Dopo 32 giornate ha tre punti in più rispetto allo scorso campionato: non sono pochi, ma se nella giornata odierna le prospettive sono diverse è in maggior misura perché in questa Serie A non c’è l’Inter di Conte, Lukaku e Hakimi, perché la Juventus è tornata a fare la Juventus troppo tardi e perché il Milan – esattamente come il Napoli – è leggermente migliorato in termini di punti rispetto a un anno fa. Ma leggermente, appunto.

Punti semplice, il Napoli non sta viaggiando a una media troppo diversa rispetto alla scorsa stagione. Dopo 32 giornate ha tre punti in più rispetto allo scorso campionato: non sono pochi, ma se nella giornata odierna le prospettive sono diverse è in maggior misura perché in questa Serie A non c’è l’Inter di Conte, Lukaku e Hakimi, perché la Juventus è tornata a fare la Juventus troppo tardi e perché il Milan – esattamente come il Napoli – è leggermente migliorato in termini di punti rispetto a un anno fa. Ma leggermente, appunto.

E allora, pur dopo la quinta sconfitta interna in campionato, la squadra di Spalletti è tuttavia in corsa. “Non è finita finché non è finita”, ha pubblicato sui social questa mattina il club partenopeo. Una tautologia, una fiducia derivata dal secondo 0-0 consecutivo del Milan che per questo ‘rimane’ a soli due punti.

Ma questa squadra, che nella giornata odierna conta sul terzo migliore attacco nonostante il maggior numero di rigori ricevuti (11) e realizzati (8), ha quest’anno in Osimhen l’unico e solo terminale offensivo. L’attaccante nigeriano è a quota 12 gol in campionato, per questo molto lontano da chi lotta per la classifica cannonieri, eppure è per distacco il miglior marcatore dei partenopei, nonché l’unico in doppia cifra. Al secondo posto c’è Mertens, che forse andrebbe considerato ancora in ottica del rush finale, insieme a un Insigne che ma – senza i gol dal dischetto – sarebbe fermo a quota 1 gol. E qui c’è il vero problema. Politano, l’altro esterno d’attacco titolare, è a quota 2 gol: come Koulibaly, peggio di Rrahmani. Quest’anno Spalletti ha ritrovato i gol dei suoi giocatori di centrocampo ma ha perso quelli degli esterni d’attacco. C’è Lozano a quota quattro: in termini realizzativi il messicano ha fatto meglio rispetto a chi gli è dinanzi, ma questo dato non ha mai portato a un cambio di gerarchie.

In generale, l’impressione è che senza gli spunti di Osimhen l’offensiva del Napoli non abbia grosse altre soluzioni. I numeri in alcuni casi sono impietosi e in ottica del rush finale vanno analizzati. Perché il Napoli rimane in corsa, perché per Spalletti e i suoi ragazzi c’è tuttavia una speranza, nonostante l’ennesima debacle casalinga.

Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato del Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli Calcio

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Scelte da noi