Quarantene, ADL prosciolto. Il legale: "Spero metta la parole fine sulla regolarità di Juve-Napoli"

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Quarantene, ADL prosciolto. Il legale: "Spero metta la parole fine sulla regolarità di Juve-Napoli"

Nel corso dell’intervista rilasciata a Radio Kiss Kiss , l’avvocato , legale del , ha spiegato la sentenza del TFN che ha prosciolto e il medico sociale azzurro in merito alle accuse di non aver fatto rispettare le quarantene dei calciatori in concomitanza della sfida contro la Juve di inizio anno: “Speriamo che metta la parola fine sulla regolarità della sfida e sulla corretta partecipazione dei tre calciatori del quarantenati, in quanto non avevano effettuato la terza dose di . Nonostante le richieste di un mese di squalifica al patron e al dott. Canonico e di una sanzione pecuniaria al Napoli il Tribunale Federale ha interpretato correttamente le carte e in maggior misura che quei calciatori in bolla, cioè col tampone nel giorno della sfida e rientro nel giorno stesso, potevamo correttamente partecipare alla competizione al pari dei loro compagni. Ora la Procura potrebbe pure produrre , ma noi ci auspichiamo di no perché è una vicenda che si trascina ora mai da troppo tempo. Aspettiamo gli stimoli, ma comunque siamo forti della verità dei fatti e delle carte”.

Nel corso dell’intervista rilasciata a Radio Kiss Kiss Napoli, l’avvocato , legale del Napoli, ha spiegato la sentenza del TFN che ha prosciolto De Laurentiis e il medico sociale azzurro in merito alle accuse di non aver fatto rispettare le quarantene dei calciatori in concomitanza della sfida contro la Juve di inizio anno: “Speriamo che metta la parola fine sulla regolarità della sfida e sulla corretta partecipazione dei tre calciatori del Napoli quarantenati, in quanto non avevano effettuato la terza dose di . Nonostante le richieste di un mese di squalifica al patron e al dott. Canonico e di una sanzione pecuniaria al Napoli il Tribunale Federale ha interpretato correttamente le carte e in maggior misura che quei calciatori in bolla, cioè col tampone nel giorno della sfida e rientro nel giorno stesso, potevamo correttamente partecipare alla competizione al pari dei loro compagni. Ora la Procura potrebbe pure produrre ricorso, ma noi ci auspichiamo di no perché è una vicenda che si trascina ora mai da troppo tempo. Aspettiamo gli stimoli, ma comunque siamo forti della verità dei fatti e delle carte”.

Image:Getty

Segui le Ultime News del Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Scelte da noi