Napoli, definiti i primi due acquisti: già ricostruita la nuova catena di sinistra

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Napoli, definiti i primi due acquisti: già ricostruita la nuova catena di sinistra

Ieri è stato il giorno del secondo acquisto estivo del Napoli. Dopo aver definito l’arrivo del giovane Kvaratskhelia, la squadra azzurro ha sbloccato l’operazione per Mathias Olivera, proprio allorchè sembrava essersi arenata, facendolo arrivare in poche ore a Villa Stuart per le visite di rito e la sigilla sul contratto in modo da chiudere l’operazione prima della sua partenza per l’Uruguay. L’esterno di fascia mancino è giunto poco prima delle 11 in clinica, accompagnato dal suo manager Pablo Boselli, ed accolto dal responsabile dello gruppo medico Raffaele Canonico e da uno degli uomini mercato del club, Maurizio Micheli.

Ieri è stato il giorno del secondo acquisto estivo del Napoli. Dopo aver definito l’arrivo del giovane Kvaratskhelia, la squadra azzurro ha sbloccato l’operazione per Mathias Olivera, proprio allorchè sembrava essersi arenata, facendolo arrivare in poche ore a Villa Stuart per le visite di rito e la sigilla sul contratto in modo da chiudere l’operazione prima della sua partenza per l’Uruguay. L’esterno di fascia mancino è giunto poco prima delle 11 in clinica, accompagnato dal suo manager Pablo Boselli, ed accolto dal responsabile dello gruppo medico Raffaele Canonico e da uno degli uomini mercato del club, Maurizio Micheli.

La nuova catena di sinistra
Con il saluto di Ghoulam ed Insigne, protagonisti negli anni di Sarri di una catena straordinaria, il Napoli s’è fatto trovare pronto assicurandosi due calciatori in grande crescita e che potranno contendersi da subito pure la titolarità (da esterno alto c’è pure la carta Lozano, che può giocare in quella zona). Dalla qualità del fraseggio, in maggior misura nello stretto, Spalletti potrà passare a soluzioni più da campo lungo con progressioni e strappi.

La fisicità chiesta da Spalletti
Due elementi di un metro e 85cm. Un modo per facilitare la transizione che sta portando avanti Spalletti, iniziata con Osimhen, proseguita con Anguissa, e che a questo punto può completarsi con Olivera, Kvaratskhelia e chissà quali altri acquisti per migliorare quelle caratteristiche pure di fisicità e forza di cui molte volte l’allenatore s’è lamentato durante questa stagione. Il secondo Napoli di Spalletti nasce su queste basi.

Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato del Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli Calcio

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Scelte da noi