Spalletti e la corsa-Scudetto: "Napoli fra Milan, Inter e Juve. Osimhen può diventare un leader"

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Spalletti e la corsa-Scudetto: "Napoli tra Milan, Inter e Juve. Osimhen può diventare un leader"

Dovendo fare una griglia di partenza della Serie A, ove collocherebbe il suo ? “Fra , e , siamo pagati per produrre . E ci proveremo”, assicura il tecnico azzurro in un colloquio al Corriere della Sera: “Non esiste una formazione forte sulla carta, le squadre sono tante cose insieme. Noi dobbiamo essere bravi a sopperire a qualche limite con la personalità e il gioco. Leader? Sono i calciatori che devono esserlo. Osimhen è uno che può diventarlo. Ci punto”.

Dovendo fare una griglia di partenza della Serie A, ove collocherebbe il suo ? “Fra , e Juventus, siamo pagati per produrre risultati. E ci proveremo”, assicura il tecnico azzurro in un colloquio al Corriere della Sera: “Non esiste una formazione forte sulla carta, le squadre sono tante cose insieme. Noi dobbiamo essere bravi a sopperire a qualche limite con la personalità e il gioco. Leader? Sono i calciatori che devono esserlo. Osimhen è uno che può diventarlo. Ci punto”.

E Luciano è uno che s’intende di giocatori forti, ne ha allenati parecchi. E fa i nomi: “Sì parecchi, li dico in ordine sparso. Da Nestor Sensini a Pizarro, giocatore con grande intelligenza di gioco. Il mio , come non inserirlo. E allo Zenit il brasiliano Hulk, forza e potenza devastanti. Totti? Ma lui ci entra di diritto fra i fortissimi. La separazione? Sinceramente non me l’aspettavo, e mi dispiace veramente. La famiglia è importante nella vita di ogni uomo, la sua mi è sempre apparsa solida. Una base importante per Francesco e Ilary. Ma la vita riserva pure questo, è un peccato”.

Image:Getty

Segui le Ultime News del
Segui le Ultime Notizie Napoli

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Scelte da noi