7 minuti fatali: pure a Verona la Sampdoria si fa male da sola e perde un altro scontro diretto

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
7 minuti fatali: anche a Verona la Sampdoria si fa male da sola e perde un altro scontro diretto

 

La si fa male da sola. Dopo il ko pesante in quel di Salerno, i blucerchiati escono sconfitti pure dal “Marcantonio Bentegodi” di contro l’Hellas. Secondo ko in altrettanti confronti diretti lontano da Genova per la truppa di , il quale ha sottolineato come siano stati decisivi i sette minuti prima del finale del primo tempo. Dopo 40 minuti tutto sommato in controllo e passati meritatamente in vantaggio e compagni hanno incamerato lo sfortunato pareggio che li ha dopo mandati in tilt subendo il sorpasso esattamente 420 secondi dipoi. Una costante purtroppo che accompagna la Samp nel corso delle ultime stagioni, frutto di un calo mentale e, con tutta probabilità, di una mancanza di fiducia.

 

Parecchi gol subiti in poco tempo
Un problema che è ben radicato all’interno della squadra e che diversi tecnici non sono riusciti a spazzare via. Tornando indietro alla scorsa stagione, soffermandoci per adesso sulla gestione di , contro la Salernitana in casa sono stati fatali i primi sei minuti di match con Fazio ed Ederson che bastarono ai granata per espugnare il “Ferraris”, Arnautovic siglò la sua doppietta al “Dall’Ara” fra il quarto d’adesso e la mezz’adesso della seconda frazione di gara, in questo modo come la Juve andò a segno con il penalty di Morata giunto nove minuti dipoi dell’autorete di Yoshida o Deulofeu in rete al terzo minuto e Udogie al 12′ in quel di Udine.

 

Con D’Aversa e Ranieri
La musica non è cambiata nemmeno sotto la gestione D’Aversa con la remuntada della iniziata fra il 23′ e il 32′, i gol di Milinkovic-Savic e con la in casa arrivati fra il 7′ e il 17′ oppure l’autogol di Askildsen e il gol di Zapata contro l’Atalanta che, fra il 17′ e il 21′, hanno capovolto il vantaggio iniziale di Caputo. Con Ranieri nel 2020-2021, e a a segno fra il 53′ e il 68′, Caputo e Berardi col Sassuolo a segno fra il 56′ e il 58′ sessanta secondi dipoi del pareggio di mentre nel 2019-2020 il raddoppio e il tris del arrivarono fra il 52′ e il 58′, i due gol contro i bergamaschi arrivarono fra il 75′ e l’85’, Barrow e segnarono per il fra il 72′ e il 74′, mentre contro il Cagliari il 2-3 e il 3-3 furono incassati fra il 74′ e il 76′.

 

Con Di Francesco
Questa statistica non ha risparmiato nemmeno il breve interregno di Di Francesco considerato che l’uno-due contro l’ firmato e Sanchez è giunto fra il 20′ e il 22′ mentre a Sassuolo Berardi fra il 29′ e il 43′ segnò addirittura una tripletta. Un’abitudine che va corretta nel più breve tempo possibile con la squadra che deve mantenere la giusta concentrazione nel corso dei 90 e più minuti che la separano dal d’inizio al triplice fischio. Il tempo per rimediare c’è tutto, considerato che siamo solo inizialmente di settembre, ma occorre ad ogni modo correre ai ripari. Sabato a Marassi arriva il campione d’ e dopo la squadra affronterà il suo terzo scontro diretto di fila in trasferta contro lo Spezia. Una gara che potrebbe già essere da dentro o fuori.

Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli Calcio

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Scelte da noi