Salernitana, piedi per terra…alzando l'asticella. Vincere nella giornata odierna può essere determinante

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Salernitana, piedi per terra...alzando l'asticella. Vincere oggi può essere determinante

Guardando la non sembrerebbe affatto uno scontro diretto. La è decima a 16 punti, dieci lunghezze di vantaggio sulla zona retrocessione. La , pur giocando a tratti un ottimo , è ultima ed è fra le candidate alla retrocessione. Eppure la partita fra granata e grigiorossi è “da tripla”, come direbbero gli amanti delle scommesse. Da un lato la formazione di , forte del 3-1 conquistato a e della spinta sempre determinante di 17mila spettatori. Dall’altro la compagine di Alvini che si gioca la panchina. In settimana la società campana è uscita allo scoperto. Piedi per terra, certo, ma pure la coscienza che ci siano i presupposti per avviare un progetto che punti all’ in tre anni. In effetti a Salerno ci sono tutte le componenti: una società economicamente fra le più forti in , un pubblico che la fa differenza, un bacino d’utenza in costante crescita, un DS giovane e con agganci pure all’estero, un allenatore abituato alle imprese, un parco calciatori di proprietà, un grande seguito mediatico e un Ribery in versione factotum che può dare una marcia in più. Giochiamo di fantasia e proiettiamoci al estivo versione 2023-24, con una al terzo anno di fila in A, una base di migliaia e migliaia di abbonati e un progetto che prende forma: avete idea di quanti giocatori top firmerebbero a scatola chiusa pur di indossare la maglia granata?

E’ di questo avviso pure l’avvocato che, senza peli sulla lingua, risponde in questo modo a chi accusa la società di alimentare eccessive aspettative: “Molti pensano che parliamo d’Europa per riempirci la bocca e fare proclami, per la verità conosciamo le nostre potenzialità economiche e siamo certi di essere le persone giuste, al posto corretto e nella piazza giusta. Chi può vantare un seguito in Italia come il nostro? Ma avete considerato che abbiamo, quanto spingono e quanto incidono? è un imprenditore top, in tre anni vogliamo essere competitivi ai massimi livelli. Chissà se chi è andato via o ha rifiutato in estate è nella giornata odierna convinto di quei no. Siamo una grande realtà, in costante crescita. Un giorno vincere a sarà una normalità. Non è affatto un reato alzare l’asticella se investi 40 milioni di euro in un mese e mezzo. L’ambizione nasce dalla coscienza, deve essere uno stimolo e non una pressione negativa”. Intanto, ma, nella giornata odierna sarà necessario fare risultato pieno. Perchè dopo c’è la trasferta di Firenze, proibitiva, e perchè gennaio vedrà in rapida successione le partite con , , e . Un mese di fuoco, insomma, con in più le partite a e che sono stadi difficilissimi pure per le big. Per sperare in una salvezza tranquilla, dunque, è obbligatorio fare risultato nella giornata odierna. Un eventuale passo falso non pregiudicherebbe niente, sia chiaro. Una vittoria, viceversa, aprirebbe nuovi scenari. Perchè viene difficile pensare che, con 19 punti a metà girone d’andata e una concorrenza che stenta, si possa retrocedere a fine anno…

Image:Getty

Segui le Ultime News Calciomercato Napoli
Segui le Ultime Notizie Napoli Calcio

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Scelte da noi